Counselor

Sono anche counselor.

Ormai quasi tre settimane fa, esattamente il 10 Aprile 2021, ho superato con successo l’esame del corso triennale di counseling ad indirizzo simbolico-metaforico presso l’Università popolare di Lucca.

È forse il primo corso che ho seguito interamente con piacere e per il quale ho anche studiato (a parte qualche piccolo argomento, ma non diciamolo forte) con piacere. Negli studi precedenti, o non ho portato a compimento il percorso, abbandonando ad esempio senza dare l’esame finale, o ho completato tutto il corso, ma con gran sofferenza e trascinandomi quasi contro volontà.

Certo non è stato tutto facile o tutto perfetto, ci mancherebbe, ma è indubbio che ogni argomento che ho trovato, studiato, incontrato, in qualche modo mi ha colpito, segnato, e quindi mi ha lasciato qualcosa.

Per mia gioia è anche stato un corso con una buona parte pratica. La teoria da sola mi annoia, la trovo interessante solo nel momento in cui posso applicarla o “toccarla con mano”, per quanto in un corso di counseling c’è poi poco da toccare fisicamente.

Ecco questi tre anni mi hanno donato davvero tanto, perché grazie alla bravura degli insegnanti, grazie ai compagni di viaggio degli altri studenti, ho appreso, sentito, vissuto e cambiato me stesso.

Un viaggio trasformativo e formativo che mi ha permesso di concretizzare, approfondire ed anche apprendere qualità e strumenti per capirmi meglio in primis, e quindi per poter ascoltare meglio gli altri. Per mettermi meglio al servizio degli altri e del loro bene.

Per me questo viaggio di tre anni, che a riguardarlo ora mi sembra volato in un attimo, è stato il coronamento di tanti anni di studi pregressi e l’esame finale la chiosa e lo stampino sugli stessi. Come per dire: “Bene, anche questo lo hai appreso davvero, non te lo stai immaginando, ma è così.” Un riconoscimento nel mondo materico utile per rafforzarmi e radicarmi.

Mi ringrazio per aver deciso di partecipare.
Ringrazio gli insegnanti che hanno permesso di farmi crescere, apprendere, formare.
Ringrazio tutti i compagni di corso, che hanno saputo, in modo unico, contribuire a questa mia crescita.
Ringrazio chi mi è stata vicino e mi ha supportato e sopportato.

Ecco, ringraziare davvero è un’altra cosa che ho appreso in questi anni e che mi sta piacendo molto. È un toccasana quando lo si sente dal cuore.

Chi mi conosce sa che sono sintetico. Si potrebbe raccontare a lungo di quel che è accaduto e di quel che è stato, ma spero che queste poche parole possano far sentire la gioia che provo nel ripensare a questo ciclo chiuso, chiuso per far spazio al nuovo che è già iniziato e sta arrivando.

Diploma counselor Alberto Soverchia

Per chiarimenti sul counseling.

Print Friendly, PDF & Email

Posted by Alberto Soverchia

Rispondi