pensieri

Scelta e Libertà

Scelta e Libertà

Dal dizionario Treccani

scélta s. f. [der. di scelto, part. pass. di scegliere]. – 1. a. Libero atto di volontà per cui, tra due o più offerte, proposte, possibilità o disponibilità, si manifesta o dichiara di preferirne una (in qualche caso anche più di una), ritenendola migliore, più adatta o conveniente delle altre, in base a criterî oggettivi oppure personali di giudizio, talora anche dietro la spinta di impulsi momentanei, che comunque implicano sempre una decisione

Secondo questa definizione ci sono alcuni aspetti che appaiono chiari: si sceglie quando ci sono più possibilità di azione e quando c’è un individuo che decide quale di queste azioni intraprendere. Se portiamo all’estremo questa definizione, in ogni istante ogni individuo ha la possibilità di scegliere fra infinite possibilità: alzo il braccio o no, lo muovo in un modo o in un altro, mi sposto da qui a là, bevo, non bevo, mi alleno, non mi alleno, mi alleno solo un po’, chiedo alla tizia o tizio che mi piace di uscire, in che modo lo faccio? Infinite possibilità in ogni istante.
I film di fantascienza ultimamente si sono sbizzarriti con questa idea mettendola sotto al cappello del multiverso, per cui ogni singola azione crea un nuovo universo che differisce dall’altro per la scelta intrapresa in quel momento. È, quindi, un’idea che è diventata abbastanza comune e conosciuta.

Il dizionario stesso associa la scelta alla libertà: “Libero atto di volontà”. Non entro nel merito della volontà al momento per soffermarmi sulla parola libertà. Come può un atto essere libero? Un primo pensiero potrebbe essere: non ci sono impedimenti nello scegliere un’azione rispetto ad un’altra. Trovo però che questo sia insufficiente. Seguendo la definizione si evidenzia che la scelta è tale per criteri oggettivi, personali o anche impulsi. Diventa quindi necessario, affinché ci sia libertà, che ci sia anche conoscenza chiara e completa di tali criteri e quindi della motivazione della scelta. Se non ho sufficienti informazioni, la scelta potrebbe risultare non ottimale, ma rimane comunque libera? Quante e quali informazioni sono necessarie per poterle ritenere sufficienti per una scelta ottimale e libera?

Aggiungo un’altra definizione, questa di Rudolf Steiner

Libero è l’uomo quando, in ogni istante, è in grado di ubbidire a se stesso

Se la leggiamo nell’ottica della scelta, un uomo libero è tale quando in ogni istante sceglie di ubbidire a se stesso. Qui il punto focale diventa comprendere chi è “se stesso”. L’uomo libero si conosce profondamente, pienamente e per questo non ha segreti né mancanze di informazioni quando deve scegliere. E questa scelta consapevole la compie continuamente, in ogni istante.

È questo il punto focale di una scelta che può definirsi libera: essere pienamente, integralmente, profondamente consapevoli di se stessi. In ogni istante sono consapevole di come mi sto muovendo? Del perché sto agendo in un modo? Della motivazione profonda che mi spinge verso un’azione?
So quali processi interiori sto attuando e sto ascoltando, oppure è ancora l’inconscio che continua a governarmi nelle scelte? Ci sono emozioni che colorano le mie scelte? Avverto blocchi che mi impediscono alcune azioni rispetto ad altre?
So chi sono?
Ho una chiara e completa visione del mondo interiore ed esteriore affinché posso con certezza affermare che i criteri che mi portano alla scelta sono tutti conosciuti?

Ecco perché, per me, la meditazione e quindi la pratica di conoscermi, sempre più dettagliatamente, profondamente, è fondamentale. Mi aiuta a liberarmi da tutto ciò che non conosco portando a coscienza ciò realmente mi muove e spinge. Tanto più vedo con chiarezza chi sono e cosa mi muove, tanto più posso scegliere l’azione in quel momento. E di conseguenza vivere quel momento.
In questo non importa la pratica o il percorso svolto, ma quanta consapevolezza, presenza e libertà ti porta. Ed è questo il lavoro che amo fare con le persone: sostenerle nel far emergere la loro libertà ed unicità.

Auguro a tutti piena consapevolezza, piena presenza, piena libertà e felicità.

Posted by Alberto Soverchia in articoli, 0 comments
Scelta

Scelta

Come scegliere al meglio?

Più che come scegliere io mi domanderei: da quale parte di me arriva la scelta? Da che spazio interiore sto scegliendo? Come mi sento in questa scelta? Quali sono le ragioni più intime di questa scelta?

Per come la vedo siamo un calderone immenso pieno di roba, memorie più o meno antiche, vissuti, emozioni, pensieri, tante influenze che ci rendono quel che siamo. Le scelte nascono quindi da una o più di queste influenze, in base a quale in quel momento è la più forte, quale delle nostre memorie è stata solleticata di più dalla situazione attuale che ci chiede di scegliere.

Quando arriva il momento di scegliere portiamo attenzione a quale parte di noi in quel momento sta scegliendo. Provando a non giudicarla, ma solo a portarvi attenzione. Come se mi osservassi dall’esterno provo a vedere la radice di quella scelta, la causa o motivazione che mi han portato a scegliere una cosa invece di un’altra.

Con un po’ di tempo ed esercizio accade una cosa magica: si inizia a vedere con più chiarezza che alcune delle nostre scelte non sono proprio “nostre” e naturalmente queste cambiano direzione. È come osservare un menù in un ristorante esotico, dove inizialmente non conoscevamo nulla, neanche la lingua in cui era scritto il menù. Ogni sapore era nuovo e si ordinava a caso puntando il dito sulla voce del menù. Con l’esperienza e l’attenzione, si inizia ad imparare a leggere le varie voci ed associarle al piatto e quindi conoscere i vari sapori e pietanze.

Le decisioni prese cambiano gusto, si è più partecipi in quella scelta ed il risultato è una sensazione maggiore di libertà ed appagamento ( e ci si gusta il piatto voluto!).
Con la continua attenzione, presenza ed ascolto, si è spostata l’origine che fa scaturire la scelta da un punto sconosciuto del calderone di sopra ad uno conosciuto e naturalmente più sano.

Tanto più siamo continuamente presenti a noi, tanto più questo portare attenzione alle scelte diviene spontaneo e semplice e naturalmente arriverà l’azione migliore.

Quindi prima di scegliere fermiamoci un attimo, facciamo un bel respiro ed immergiamoci in noi, e solo poi, lasciamo che la scelta emerga.

Buona settimana!

Vi aspetto stasera per la diretta di meditazione.

Un abbraccio

Posted by Alberto Soverchia in articoli, pensieri, 0 comments